Come pensa chi si ammala di Alzheimer? La perdita della capacità di riconoscere persone e cose

In questa serie di brevi articoli proverò a raccontarvi, o meglio a mostrarvi, come e cosa pensa un malato di Alzheimer. Per farlo ho deciso di partire dalla spiegazione di quello che una persona affetta da questo morbo non riesce più a fare. Cosa non funziona nella sua mente? Cosa ha perso per colpa della malattia?

Per capire veramente cosa pensa e perché pensa determinate cose è necessario prima comprendere cosa la malattia, che abbiamo raccontato essere una ladra, ha letteralmente rubato a quella persona.

1.1 Come pensa chi si ammala di Alzheimer? La perdita della capacità di parlare e di comprendere quello che gli altri dicono


1.2 Come pensa chi si ammala di Alzheimer? La perdita della capacità di riconoscere persone e cose

Vi è capitato di leggere il saggio di Oliver Sacks “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello”?

Uno dei casi clinici raccontati dal neurologo e scrittore britannico è tristemente perfetto per descrivere la perdita della capacità di riconoscere persone e cose nei malati di Alzheimer:

“Convinto che la visita fosse finita, si guardò intorno alla ricerca del cappello. Allungò la mano e afferrò la testa di sua moglie, cercò di sollevarla, di calzarla in capo. Aveva scambiato la moglie per un cappello! La donna reagì come se fosse abituata a cose del genere.”

Il gesto dell’uomo descritto da Sacks è causato proprio dall’incapacità di riconoscere i volti e di dare un significato agli oggetti provocati dal morbo.

Quando il malato non riesce a riconoscere le persone e gli oggetti è facile ipotizzare che si tratti di un problema di memoria. In alcuni casi è così, ma c’è un’altra possibilità: la difficoltà è legata all’impossibilità della persona di dare un senso a ciò che vede e a quello che ricorda. Nella sua mente questi due tipi di informazione non coincidono più. Le conseguenze sono molteplici: il malato perde la capacità di riconoscere gli oggetti, i volti, i colori; non sa più giudicare le distanze, distinguere tra oggetti che si muovono e oggetti fermi, percepire più di un oggetto per volta; non riesce a prestare attenzione al suo corpo e allo spazio circostante, a coordinare i suoi movimenti sotto il controllo visivo.


Un romanzo sull’Alzheimer, sull’amore e sull’amicizia, scritto dal Neurologo Marco Marchini, dall’alto del suo osservatorio privilegiato sul mondo della malattia.

“L’ombra non protegge dalla pioggia” è disponibile su Amazon e su tutte le principali librerie online in formato ebook e cartaceo.

ACQUISTA IL LIBRO

Trackback URL: https://www.raccontidialzheimer.com/blog/2024/01/04/come-pensa-chi-si-ammala-di-alzheimer-la-perdita-della-capacita-di-riconoscere-persone-e-cose/trackback/

Leave a comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *